Instagram         Email
                                                                              BE THE LOVE YOU WISH TO SEE IN THE WORLD.

Post recenti

Nutella vegan e #healthy con 4 ingredienti

Nutella vegan e #healthy con 4 ingredienti

Una piccola confessione. Una volta, in prima superiore, mi sono mangiata mezzo vaso di nutella, in una sera, dopo cena, con “l’ausilio” di un pacchetto di quei grissini fini della Roberto. Ok, ora non farmi sentire l’unica brutta persona senza autocontrollo. Quando si tratta di […]

Crepes – ricetta vegan per crespelle dolci o salate

Crepes – ricetta vegan per crespelle dolci o salate

L’odore delle crepes mi riporta a quei pomeriggi autunnali piovosi in cui la mamma, per tirarci su di morale, ci preparava le crepes per merenda. Così io e mia sorella tornavamo ad avere il sorriso sulle labbra. E a volte anche un po’ di nutella […]

Burger proteici di quinoa e piselli

Burger proteici di quinoa e piselli

Che cos’è la quinoa?

La quinoa è una pianta erbacea della famiglia delle Chenopodiaceae, come gli spinaci o la barbabietola. Quelli che noi mangiamo sono i suoi semi, considerati uno pseudo cereale in quanto hanno molte proprietà in comune con i cereali. Hanno infatti un’ alta concentrazione di amido, di proteine, di fibre, di sali minerali e di vitamine. Inoltre la quinoa è un ottimo alimento per chi soffre di celiachia, dato che non contiene glutine. E’ originaria del Sud America e può essere di tre tipi, a seconda della colorazione: bianca, rossa e nera.

Quali sono le sue proprietà?

  • ricca di carboidrati complessi e a basso indice glicemico, aiuta a contenere i livelli di zuccheri nel sangue e a tenere sotto controllo la fame;
  • le proteine presenti sono di elevato valore biologico in quanto contengono diversi aminoacidi essenziali (lisina e miotonia);
  • considerevole contenuto di fibre alimentari, che, oltre ad aiutare ad abbassare il colesterolo, migliorano il funzionamento intestinale e favoriscono la riduzione dell’acidità gastrica. Inoltre, le fibre contribuiscono a mantenere basso l’indice glicemico;
  • contiene diversi sali minerali quali potassio, magnesio, calcio, ferro, fosforo e zinco ;
  • ha proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie grazie alla presenza di vitamina C, vitamina B2 e vitamina E.

 

Come usarla in cucina?

Il procedimento è molto semplice. Prima di cucinare la quinoa è importante sciacquarla, perchè ha un naturale rivestimento protettivo, chiamato saponin, che potrebbe rendere i semi amarognoli, una volta cotti. Per liberarsi di questo rivestimento, basta sciacquare il tutto prima di iniziare a cucinare. La quinoa che si compra è spesso pre-sciacquata, ma, per sicurezza, non fa male dare ai semi un’ulteriore ripulita sotto l’acqua corrente. Per far risaltare al massimo il suo sapore, consiglio di tostare i semi prima di bollirli. Questo è un accorgimento che ho rubato da mia mamma, visto che lo fa sempre anche con il cous cous. Basta far saltare la quinoa assieme ad un cucchiaio di olio per alcuni minuti in una pentola. Con il fornello a fuoco medio, mescola continuamente per evitare che si bruci, finché i semi non iniziano a dorare. Una volta tostati i semi, aggiungere dell’acqua nella pentola, seguendo il rapporto di due tazze d’acqua per ogni tazza di quinoa che si vuole preparare. Quando l’acqua inizia a bollire, continuare a cucinare a fuoco basso, coprendo la pentola con un coperchio, per circa 15 minuti o fino a quando l’acqua è completamente assorbita.

La quinoa va trattata come un cereale e per questo è super versatile in cucina. Si presta alla preparazione di numerosi piatti, come insalate, zuppe, minestre, burger e perfino dolci. Abbinata a legumi e verdure, è un pasto completo e bilanciato.

Come forse avrai già capito, sono una fan del “less is more”. Se anche a te piacciono le cose semplici e veloci da preparare, sono sicura che questi burger non ti deluderanno. Ottimi da mangiare con un contorno di verdure o per farcire dei burger vegan, a cui puoi aggiungere qualche verdura (pomodori, lattuga, melanzane grigliate, ecc…) e qualche salsina super grassa, per sdrammatizzare e rendere il tutto un po’ meno #healthy XD

Burger proteici di quinoa e piselli

 

Ingredienti (per 2 porzioni)

  • 100 g di quinoa
  • 150 g di piselli freschi
  • 2 cucchiai di lievito alimentare secco (facoltativo)
  • qb sale
  • qb pepe

 

Procedimento

  • Cucina la quinoa seguendo i passi descritti nel paragrafo precedente. Nell’acqua di cottura consiglio di mettere un piccolo cucchiaino di sale;
  • In una pentola porta a bollore i piselli e lasciali cucinare a fuoco medio/basso per almeno 20 min. Nel frattempo preriscalda il forno a 180°C;
  • Una volta che la quinoa e i piselli saranno pronti, mettili in una ciotola alta e abbastanza capiente (spesso utilizzo una caraffa) e condisci con il sale, il pepe e il lievito alimentare;
  • Frulla finché gli ingredienti si saranno ben amalgamati. Dopodiché ricopri una teglia con della carta da forno e con le mani forma delle palline che poi andrai ad appiattire sulla teglia per dare loro la forma dei burger;
  • Inforna a 180°C per 20-25 minuti, fino a quando i burger risulteranno leggermente dorati.

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Clafoutis alle pesche

Clafoutis alle pesche

Il termine clafoutis deriva dall’occitano clafotis, dal verbo clafir, che significa riempire. Di pesche ovviamente. La ricetta classica è a base di ciliegie, tuttavia si può fare con diversi tipi di frutta, a seconda della stagione. Durante la ormai passata stagione estiva, le pesche piatte dell’azienda […]

Vegani a Londra

Vegani a Londra

Con ben 79 ristoranti vegan e un’infinità di juice bars, pasticcerie, bar e bancarelle di street food con opzioni vegane, Londra si posiziona al 7° posto nell’elenco delle città più vegan-friendly secondo il sito HappyCow. Come se fare la spesa non mi piacesse già abbastanza (non prendermi per pazza, […]

Pasta proteica con pesto alla menta

Pasta proteica con pesto alla menta


Menta, basilico, salvia, prezzemolo, maggiorana… e chi più ne ha più ne metta! Adoro le piante aromatiche ed essere travolta dal loro profumo. A casa mia in Italia, grazie alla mia adorata mamma e al suo pollice verde, ho una vasta scelta di piante aromatiche a km zero direttamente nel mio giardino. Giunta in territorio spagnolo, mi sono attrezzata, da studentessa fuorisede “italiana doc”, con una piantina di basilico sul davanzale della mia finestra. Perché sennò come si fa in cucina senza il basilico?! L’altro giorno, passeggiando per le strade del centro di Valencia, mi sono imbattuta in un piccolo botteghino di “Fruta y verdura ecologica”, dove non ho saputo resistere al richiamo di un mazzetto di menta fresca che urlava “comprami”! Dopo essermi bevuta numerose limonate con la menta, ho pensato di usarla per preparare un pesto con cui condire la pasta proteica con farina di piselli che mangio spesso per pranzo nei giorni in cui vado in palestra. Il risultato è stato davvero delizioso, per cui non mi resta che lasciarti alla ricetta!

INGREDIENTI (PER 2 PORZIONI)

  • 250 g di pasta di piselli
  • 20 g di menta fresca
  • 20 g di basilico fresco
  • 1 spicchio d’aglio
  • 30 g di pinoli
  • q.b. di sale
  • q.b. di olio evo
  • menta fresca per decorare

PROCEDIMENTO

  • Cucina la pasta seguendo le istruzioni e i tempi di cottura indicati sulla scatola;
  • dopo aver lavato le foglie di menta e basilico e spelato l’aglio, poni gli ingredienti nel frullatore. Aggiungi i pinoli, un po’ di sale e dell’olio. Per evitare di appesantire il pesto con troppo olio, consiglio di iniziare con 3 cucchiai e aggiungere poco alla volta lo stretto necessario affinché si riesca a frullare;
  • frulla il tutto fino ad ottenere un sughetto omogeneo e quando la pasta sarà pronta condiscila con questo pesto profumato. Decora il piatto con qualche fogliolina di menta fresca e goditi un piatto gustoso e ricco di proteine.

 

 

Frullato alla pesca e basilico

Frullato alla pesca e basilico

Primo post dalla mia nuova location, ovvero la Spagna, dove passerò 5 mesi studiando all’università Politecnica di Valencia. Sono arrivata a Valencia da ormai qualche giorno e finalmente sono riuscita a far funzionare il Wifi nel mio nuovo appartamento. Quindi eccomi qua a scrivere, rinfrescata […]

Hummus di barbabietola rossa

Hummus di barbabietola rossa

Per coloro che non sopportano neanche l’idea delle barbabietole rosse, no problem. Ciò significa solo più hummus per me 😉 Mi sono mangiata l’intero recipiente, tranne una cucchiaiata che mia mamma è riuscita a prendere just in time, prima che finisse. (In questa famiglia è così… […]

Bounty vegan e #healthy

Bounty vegan e #healthy

Quando durante i miei anni di scuola suonava la seconda campanella più attesa, ovvero quella per la ricreazione, correvo alle macchinette per provare ad addolcire quelle giornate rese un po’ amare da lezioni noiose o interrogazioni andate male. Il mio peccato di gola era lui: il Bounty. Mi sembra passata una vita da quando l’ho mangiato l’ultima volta e ammetto che mi farebbe gola divorarne uno. Quindi ecco qua la ricetta per un bounty vegan e #healthy, da gustare nei momenti in cui abbiamo bisogno di un po’ di dolcezza per tirarci su di morale.

Il bounty che si compra al supermercato contiene latte e il primo ingrediente è lo zucchero, quindi diciamo che non è proprio lo spezzafame più salutare che si può scegliere. Personalmente tendo a non mangiare cose troppo raffinate, perciò in questa ricetta non ho usato lo zucchero ma l’ho sostituito con del nettare di cocco. Se non ce l’hai a portata di mano, va benissimo anche lo sciroppo d’agave o quello d’acero. Inoltre, puoi usare il cioccolato fondente che più preferisci. Quello che ho usato io è un fondente vegan senza zucchero della marca “Libero mondo” acquistato in un negozio Equosolidale.

Ingredienti

  • 150 g di farina di cocco
  • 5 cucchiai grandi di nettare di cocco (o sciroppo d’agave, d’acero, o altro dolcificante liquido)
  • 5 cucchiai grandi di olio di cocco
  • 100 g cioccolato fondente vegan senza zucchero

Procedimento

  • Versa in una ciotola la farina di cocco, l’olio e il nettare di cocco e mescola fino a quando gli ingredienti si saranno amalgamati per bene;
  • Con le mani, forma dei rettangolini che andrai a riporre su una teglia ricoperta da carta da forno. Riponi la teglia in congelatore e lascia riposare per un’oretta;
  • Quando sarà trascorsa almeno un’ora, metti a sciogliere il cioccolato a bagnomaria;
  • Una volta che il cioccolato sarà sciolto, immergici i rettangoli di cocco uno alla volta, assicurandoti che il cioccolato ricopra tutta la barretta. Adagia i cioccolatini su della carta da forno e lascia riposare per qualche ora in frigorifero prima di servirli.

Penso che i bounty si conservino tranquillamente per alcuni giorni in frigo ma non posso dirlo con sicurezza perchè quando li faccio vengono divorati sempre in un battibaleno.

Sfogliatine al pesto

Sfogliatine al pesto

Non lo so se si è già capito, ma quando si tratta di cucinare, mi piacciono le cose facili. E possibilmente anche veloci. Queste lumachine al pesto sono una gustosissima idea per un antipasto, per le cene improvvisate con gli amici, per degli apertivi, o da offrire […]