Instagram         Email
                                                                              BE THE LOVE YOU WISH TO SEE IN THE WORLD.

Vegani a Porto

Vegani a Porto

Ho sempre desiderato visitare il Portogallo, tant’è che più volte, mi sono ritrovata a trafficare su Skyscanner cercando qualche offerta per Lisbona o Porto. Tra il fatto che i voli erano sempre parecchio costosi e non trovavo mai l’occasione giusta, non ci sono mai andata. Non ci ero mai andata! Perché finalmente, ora che vivo in Spagna, sono riuscita ad approfittare della posizione geografica favorevole, per visitare i “vicini”. Un weekend lungo, tre giorni interi. Tre giorni in cui ero costantemente a bocca aperta e con il telefono in mano per cercare di catturare la bellezza di tutte quelle casette colorate tipiche di Porto. Chiese dorate in stile barocco, perdersi nei stretti vicoli che ricordano Diagon Alley, studenti universitari vestiti con la stessa uniforme degli alunni di Hogwarts, godersi il canto appassionato dei cori giovanili o l’insolita musica di artisti di strada che crea una meravigliosa atmosfera in giro per tutta la città, visitare librerie le cui scale a chiocciola sembrano portare in mondi fatati, godersi il panorama zeppo di casette arcobaleno da una collina lungo il fiume. Questa città magica mi ha davvero conquistata. Non mi sorprende che la Rowling, vissuta lì per 2 anni, ne abbia tratto ispirazione. 💫⚡️✨

Ma il bilancio di un viaggio non può essere totalmente positivo se non c’è di mezzo anche del buon cibo. Quindi ecco per voi una lista di posti in cui mangiare veg in questa briosa città portoghese.

 

Questo raffinato ristorante con un delizioso giardinetto interno, nonostante nel nome abbia la parola “vegetariano”, non lo è del tutto, poichè sul menù ci sono anche piatti di carne e pesce. Apparte questi, ovviamente ci sono anche numerosi piatti vegetariani, vegani e senza glutine. Tra i dessert, sul menù c’è anche un dolce crudista, che ovviamente ho voluto provare: una base di noci macadamia e anacardi, ricoperta da una composta di mango e fragole. Ma perchè ho iniziato dalla fine? Scusate ma ultimamente sto diventando come mia sorella, convinta sostenitrice dell’esistenza di uno stomaco extra per il dessert! Comunque andando con ordine… per iniziare, ancora prima che mi portassero l’antipasto che avevo ordinato, ovvero una zuppa di pomodoro e barbabietola, mi hanno offerto dei crostini con delle salsine. Purtroppo soltanto una tra queste era vegan, ma era molto buona! Il primo piatto è stato quinoa rossa saltata con asparagi, verdure, pomodori secchi, pesto al basilico e semi tostati. Una vera delizia e anche uno spunto per una ricetta da provare in futuro. Che ovviamente condividerò con voi. Il cibo era molto buono, si sentiva che gli ingredienti erano freschi e di qualità. Anche la presentazione dei piatti, come si può notare dalle foto, era impeccabile. Mi piace molto quando i piatti sono belli da vedere, perchè in fondo, mangiamo anche con gli occhi. L’ambiente è riservato e l’atmosfera è davvero piacevole. Il personale è professionale e disponibile, quindi è un ristorante che certamente consiglio. Nei weekend d’alta stagione potrebbe essere abbastanza battuto, quindi forse è meglio prenotare. La zona non è super centrale, ma la qualità del cibo vale lo spostamento 😉

 

Buffet 100% vegan a 11,95€… ma di cosa stiamo parlando? Questo ristorante totalmente vegan offre un buffet senza limiti sia a pranzo che a cena. Ripeto… senza limiti. Le bevande e i dolci sono esclusi… ma poi, chi ha bisogno dei dolci quando hai mangiato talmente tanto che stai per scoppiare?! 😂 Adoro i ristoranti con questa formula, perché oltre al fatto che posso dare libero sfogo alla mia parte ghiotta, si può assaggiare tante cose diverse. Infatti come si può vedere dal piatto numero 1 (ce ne sono stati altri 3 dopo, ooooops!), ho preso un assaggio di tante cose diverse! E devo dire che nel complesso era tutto buono. Si può scegliere tra sushi, mix di legumi, insalate fresche, verdure cotte, torte salate, involtini, zuppe e molto altro ancora. Le opzioni senza glutine anche qui non mancano. Un’altra cosa bella di questo posto è che si può mangiare seduti su un’altalena! 🌙 Come se gli 11,95€ senza limiti non fossero un incentivo abbastanza accattivante, anche la posizione è ottima, infatti Cultura dos Sabres è situato nel cuore del centro storico di Porto.

 

Questo ristorante a gestione familiare, con ben 39 anni di storia, è stato il primo ad offrire cibo vegetariano e vegano a Porto. Specializzato in cucina macrobiotica, offre ogni giorni un menù diverso. Gli ingredienti sono per lo più biologici e i piatti preparati sono semplici, caserecci e gustosi. Visto che quella giornata era particolarmente fredda mi sono riscaldata con una buona zuppa di miso. Ho voluto inoltre assaggiare delle sfogliatine che sembravano molto appetitose: una alle alghe e l’altra ripiena di verdure. Poi mi sono riempita il piatto di verdure, perchè ero molto affamata dopo una giornata di turismo in giro per la città. Broccoli con sopra un chilo di maionese veg, zucchine e funghi saltati e un “purè” di lenticchie. Per finire in bellezza, il cheescake che vedete nell’ultima foto, quello che sembra buonissimo con sopra i mirtilli… ecco, proprio quello lì, è finito nel mio stomaco, in quello extra per il dessert che ho menzionato prima! Era pure senza zucchero raffinato, quindi totalmente ammissibile 😉

Lo spazio è grande e l’atmosfera rilassata e casalinga. All’entrata del ristorante c’è anche un piccolo negozietto dove vendono molti prodotti biologici e vegan.

 

Fino ad’ora ho parlato solo di pranzi e cene… ma le colazioni, i brunch, gli smoothie e i caffè dove sono? In questo bar, ubicato in una zona centralissima, a due minuti a piedi dalla famosa libreria Lello (una delle più belle del mondo), potete gustarvi un ottimo brunch. Il locale non è vegan ma ha numerose opzioni adatte a noi: come questa incantevole acai bowl, o gli smoothie, o quella “Lava cake” al cioccolato e burro d’arachidi. La foto di quel tortino al cacao con un cuore morbido di cioccolato sciolto e burro d’arachidi, da gustare ancora caldo, non ha bisogno di descrizioni. E’ da provare e basta. Un’esperienza multisensoriale che mi ha portata dritta al terzo girone dell’inferno, quello dei golosi. Quando ci sono andata, di domenica mattina, il locale era molto pieno e quindi il servizio non è stato velocissimo, ma ne è valsa senz’altro la pena! Per i caffè e gli smoothie hanno anche latti vegetali, quindi altri punti bonus.

 

  • Negozi e mercati

Ok, non è la Boqueria di Barcellona, ma il Mercado do Bolhão merita decisamente una visita, sopratutto se si vuole gustare della buona frutta di stagione. Quello che mi è piaciuto decisamente un po’ meno, è il fatto che vendono anche galline e polli. Quindi se siete sensibili a queste cose, vi sconsiglio di andarci.

Vicinissimo alla Casa do Musica, il teatro dell’opera di Porto, c’è Idealbio, un negozio super fornito di alimenti vegan e ovviamente biologici (come dice il nome), con anche frutta e verdura e prezzi buoni.

 

 

Spero che questi consigli possano esservi utili per quando visiterete Porto, cosa che vi consiglio caldamente vista la bellezza di questa città. Ah sì, se volete anche un consiglio per la durata del soggiorno, credo che 3 giorni interi siano un periodo di tempo ideale, perchè si riescono a vedere praticamente tutte le attrazioni principali e si ha un assaggio della briosa vita portoghese.

 

 

SalvaSalva



3 thoughts on “Vegani a Porto”

Lascia un commento