Instagram     Youtube         Email
                                                                              BE THE LOVE YOU WISH TO SEE IN THE WORLD.

Verona: dove mangiare vegan

Verona: dove mangiare vegan

La Lanterna

 

Quale miglior occasione di un viaggio di lavoro per assaggiare le prelibatezze che Verona offre ai vegani?! Nei giorni passati a Verona ho lavorato tutto il giorno ad una fiera, perciò ho approfittato delle cene per provare i ristoranti cruelty free della zona. Per i pranzi mi sono organizzata facendomi preparare dai ristoranti in cui andavo a cena la sera dei piatti da asporto, ed è un consiglio che in caso di esigenza vale la pena mettere in pratica.

 

La prima sera, stanca morta dopo una lunga giornata, io e la mia amica siamo andate direttamente verso la zona in cui dormivamo. Vialeggio sul Mincio, un paesino immerso nel verde che sembra essere nato dalle pagine di un libro di fiabe. Mentre la mia amica guidava, io mi sono persa guardando fuori dal finestrino quella campagna rivestita dalla soffice luce del tramonto, in cui il tempo sembrava essersi fermato. Ma la domanda “Dove andiamo a cena?” mi ha riportato alla realtà e poco dopo eccoci al Ristorante La Torre (a Vialeggio). Non è un ristorante completamente veg ma hanno un menù vegano e fanno la pizza con la mozzarella di riso. Ci sono anche numerosi piatti senza glutine (birra compresa) e hanno pasta per la pizza al kamut, integrale o per celiaci. Io ho preso dei burger vegetali con contorno di verdure; devo dire che erano buoni e le porzioni abbondanti. Ero talmente affamata che mi sono dimenticata di fare la foto, accidenti!

La Lanterna

La seconda sera siamo state piacevolmente soprese dagli abbinamenti di sapori particolari e forti del Ristornate La lanterna, un ristorante pizzeria biologico e totalmente vegano nel cuore di Verona. A mio parere è stato il più buono tra quelli provati in termini di qualità/prezzo e anche la mia amica, non vegana, è rimasta rapita dalla varietà dei sapori. Io ho ordinato un antipasto crudista di ravioli di zucchine ripieni al formaggio di anacardi e una quiche crudista. Erano entrambi squisiti, e come potete vedere dalle foto si presentavano anche molto bene! Si sentiva che le materie prime erano fresche e di qualità. Anche il pranzo che ho preso per il giorno successivo era molto buono. Il ricco menù spazia tra proposte crudiste, senza glutine e una lunga lista di pizze, che purtroppo non ho assaggiato (questa volta, quindi toccherà ritornarci!).

Flora

La gustosissima cena alla Lanterna ci ha fatto arrivare al ristorante Flora con un palato piuttosto esigente. Come primo ho preso dei sushi crudisti che mi aspettavo molto più saporiti, invece il ripieno era una specie di frullato di diverse verdure di un gusto abbastanza piatto. Come secondo ho preso una degustazione di fermentini accompagnata da una marmellata. Erano davvero buoni e gustosi! Dato che le porzioni non erano molto abbondanti, la mia pancia ha voluto finire la cena con un dolce. Così, ho ordinato delle palline di riso al vapore con gelato alla frutta che erano buone, ma niente di eccezionale. In generale, i sapori erano ricercati ma non giustificavano il rapporto qualità prezzo, vista anche la scarsità delle porzioni. Nel menù ci sono molte opzioni crudiste, con anche l’opzione di ordinare un menù tutto crudista o ordinare dei menù degustazione. La maggior parte dei piatti sono anche senza glutine. Come potete vedere dalle foto, sulla presentazione dei piatti non si può dire nulla, sono molto curati.
Quello che di meno mi è piaciuto è stato il servizio, a mio parere troppo “costruito”. Era come se i camerieri, nell’esporre il menù, recitassero a memoria una poesia che avevano imparato, il che non metteva a proprio agio e non rendeva l’atmosfera rilassata.

Flora

Dopo l’ultimo giorno di lavoro alla fiera, siamo andate da Zushi, la catena di cucina giapponese che ora ha inserito nel menù dei piatti vegani. Non avevo molta fame, quindi mi sono limitata ad una doppia porzione di insalata di alghe wakame (ne vado matta) e all’insalata vegana che hanno nel menù, con pompelmo rosa, zucchine, edamame, mandorle, sesamo, lime e salsa tamari. In un altra occasione ho assaggiato anche i maki con asparagi, tofu, marmellata di fichi e mandorle e anche se questo mix non mi allettava più di tanto, mi sono dovuta ricredere perchè wow, erano davvero speciali! Nel menù, oltre alle pietanze ovviamente vegane come riso, edamame, mango, alghe e zuppa di miso, hanno aggiunto anche un cheescake vegano al cioccolato e hanno un menù tutto veg. Non è troppo caro ed è una valida opzione da trovare in numerose città. Mi fa davvero felice vedere che grandi catene come questa stanno iniziando a proporre menù cruelty free, quindi bravi quelli di Zushi 😉

Zushi

 



16 thoughts on “Verona: dove mangiare vegan”

Lascia un commento